Il portale delle costruzioni in acciaio in Italia

Passerella ciclopedonale sul fiume Reno - Casalecchio sul Reno (BO)


Casalecchio

La passerella ciclopedonale è ubicata sul fiume Reno nella località di Casalecchio di Reno in provincia di Bologna, a circa 500 m a valle del ponte stradale sulla via Porrettana ed a circa 1.100 m a monte del ponte dell’Asse Attrezzato sud-ovest. Il fiume custodisce patrimoni urbanistici e storico-culturali quali la chiesa di San Martino e quella dell’Eremo di Tizzano, gli antichi muri in mattoni ed i paraporti Scaletta, San Luca e Verrocchio.
 
Credits Passerella Pescara

 
Scarica in pdf


 

Il progetto architettonico-strutturale ha tenuto in particolare considerazione i vincoli funzionali, ambientali ed economici imposti dalla committenza. In funzione di questi vincoli è stato redatto un progetto preliminare, consistente essenzialmente in un’analisi tipologica comparativa tra le seguenti soluzioni: ad arco con impalcato sospeso da tiranti in fune, un’altra ad impalcato sospeso con strallatura asimmetrica e pilone verticale, infine una ad impalcato sospeso con strallatura asimmetrica e pilone inclinato a tensostruttura a doppio effetto presollecitata, con funi a curvature contrapposte.
 
Ponte casalecchio
Ipotesi progettuali

L’architettura strutturale del ponte è di tipo tenso-strutturale, ovvero una passerella sospesa, con funi portanti e stabilizzanti pre-sollecitate a curvature contrapposte.
 
Passerella casalecchio
 

Descrizione dell'opera


La passerella ciclopedonale appare da lontano come un grande arco che si tende tra le due rive del fiume, caratterizzata da grandi luci, perfezione geometrica e disegno deciso. La struttura portante, sviluppandosi come un sistema sospeso di funi stabilizzanti ad alta resistenza con curvatura contrapposta e due portali d’ancoraggio (ad A) con fondazioni a gravità, diviene protagonista della scena, estendendosi per l’intera luce libera di 98 m.
 
Casalecchio
Schema statico

Al fine di ottenere un sistema stabile anche per le azioni trasversali dovute al vento, le funi sono disposte secondo una configurazione spaziale, inizialmente in equilibrio sotto le azioni di tensione iniziali (stato 0) e carichi permanenti.
 
Casalecchioa
Vista dell'impalcato e dei pendini in campata

Lo schema tenso-strutturale permette di eliminare le strutture di impalcato con rigidezza longitudinale (minimizzando l’impatto ambientale) e impiega, a sostegno del pavimento in legno di larice, solo travi saldate (da piatti di 8-10 mm di spessore), in modo da ottenere una sezione scatolare ad altezza variabile trasversale, gondole, le quali sono a loro volta sospese alla fune portante mediante pendini in funi spiroidali zincate (da 16 mm/19 mm, fu ≥ 1.570 N/mm2) disposti ogni 2,50 m. Per la carpenteria metallica è stato impiegato acciaio di qualità S275J0/J2 (Fe 430 C/D come da denominazione vigente all’epoca del progetto).

 
Casalecchio
  Vista dell'impalcato dal basso


Le funi portanti con un freccia di 15 m non hanno solo un compito strutturale ma “disegnano” il ponte, divenendo sia forma che funzione, delineandone i contorni ed esaltandone la leggerezza, adottando una configurazione naturale di equilibrio dipendente dalla distribuzione dei carichi (trasmessi dall’impalcato tramite i pendini di collegamento) e dalle condizioni di vincolo. Tale configurazione è data in particolare dalla forma dell’impalcato, di larghezza variabile secondo un andamento a doppia parabola, dai 2,50 m all’imposta ai 6 m in mezzeria. È la struttura dell’impalcato stesso a fungere da controventamento orizzontale.

 
Casalecchio
Particolare in sommità di un cavalletto

Le funi portanti confluiscono sulla sommità delle colonne di sostegno, in un punto di ancoraggio con una cerniera a perno che permette di collegare queste ultime e le funi di strallo alle colonne tubolari ad A (diametro 712 mm): una soluzione che garantisce l’equilibrio dei vari componenti e ne facilita le operazioni di montaggio.

Il sistema di ancoraggio, costituito da cavalletti configura-ti ad A alti 22 m e da quattro funi di strallo di 40 mm di diametro disposti agli estremi in senso longitudinale, equilibra e riporta a terra le componenti orizzontali e verticali degli sforzi di trazione generati dal sistema tenso-strutturale formato dalle funi portanti e stabilizzanti.

 
Casalecchio
Vista delle gondole e del sistema di ancoraggio ai pendini


Il sistema stabilizzante è costituito da funi a curvatura contrapposta di 40 mm di diametro disposte in corrispondenza del perimetro esterno dell’impalcato con una pretensione di 500 kN. Il loro impiego ha permesso di ottenere un sistema verticale a doppio effetto, che si distingue dalla classica stabilizzazione per gravità dei sistemi semplicemente sospesi. Le funi stabilizzanti sono dotate di componenti di curvatura nei piani verticale ed orizzontale in modo da ottenere una risposta efficace contro le azioni dei carichi gravitazionali e le azioni di sollevamento e di trascinamento indotte dal vento.
 
Casalecchio
Dettaglio dell'ancoraggio a terra

Gli sforzi sono trasmessi a terra dalle colonne alle fondazioni dirette in c.a. Gli sforzi degli stralli sono equilibrati da fondazioni a gravità, tipiche dei ponti strallati e sospesi, posizionate a circa 22/23 m dai puntoni.
 
Casalecchio
Piastra di base del cavalletto e ancoraggio delle funi

Casalecchio
Viste dal basso: diurna e notturna
 

HUMAN COMFORT


Particolare attenzione progettuale è stata dedicata alla massima riduzione delle vibrazioni indotte dalle azioni di moto pedonale sincronizzato.
L’analisi dinamica, raccomandata dall’Eurocodice 3 Design of Steel Structures – Part2: Steel Bridges, quale stato limite di esercizio, è stata implementata e verificata in modo da contenere l’accelerazione indotta dal carico dinamico di riferimento entro valori ammissibili.


 
Casalecchio
Vista superiore notturna dell'impalcato

Casalecchio
Vista inferiore notturna dell'impalcato


Realizzazione e montaggio


La carpenteria metallica realizzata in officina è composta dalle colonne ad A e dalle travi trasversali (“gondole”).
 
Casalecchio
Componenti strutturali dei cavalletti in officina ed in cantiere

Casalecchio
Piastra in acciaio di ancoraggio a terra delle funi in officina ed in cantiere
 
Le colonne, in tubo di acciaio a sezione circolare, sono state lavorate interamente in officina con specifica attenzione ai particolari costruttivi di collegamento. Il montaggio della passerella, facilitato dal regime torrentizio del fiume Reno, è stato eseguito in periodo estivo, dopo l’esecuzione delle fondazioni, in accordo con la sequenza seguente.

Fase 1 – esecuzione di guado in terra;
Casalecchio

Fase 2 – predisposizione dei cavalletti di ancoraggio, degli stralli di ancoraggio e distensione delle funi portanti;
Casalecchio

Fase 3 – collegamento dei pendini alle funi portanti mediante morsetti ad attrito e sollevamento (attraverso gru) dei cavalletti e delle funi portanti con i pendini collegati;
Casalecchio

Fase 4 – sospensione dei moduli pre-assemblati di impalcato;
Casalecchio

Fase 5 – installazione delle funi stabilizzanti, pretensionamento e finitura della pavimentazione in legno.
Casalecchio

Cantiere Fasi varie di cantiere

Casalecchio

Contenuti a cura di Fondazione Promozione Acciaio. Riproduzione riservata.
Si ringrazia lo Studio Majowiecki per il materiale tecnico fornito.


 

Prodotti e Soluzioni