Il portale delle costruzioni in acciaio in Italia

Prezzi dell’acciaio: frenata a giugno-luglio per gli acciai da costruzione

contributo a cura di Siderweb.com 


Dopo il risveglio primaverile, l’estate dell’acciaio si sta rivelando più fredda del previsto. A giugno e nei primi giorni di luglio, infatti, le quotazioni dei prodotti siderurgici impiegati nell’edilizia rilevate sul mercato nazionale da Siderweb hanno fatto registrare una flessione, che ha portato all’erosione di parte del guadagno avvenuto nei mesi immediatamente precedenti. La riduzione è avvenuta per i prodotti lunghi, per i prodotti piani e per il rottame, materia prima cruciale per l’industria siderurgica.
 

Prodotti Piani


Le quotazioni degli acciai piani utilizzati per le costruzioni (lamiere nere, lamiere zincate e tubi saldati) hanno proseguito la scia rialzista fino a fine maggio, toccando in quel periodo un prezzo indice (base 16 gennaio 2013=100) rispettivamente di 84,5, 90,2 e 87,1, con un incremento percentuale del 38,1%, del 38,3% e del 13,7% rispetto al livello di inizio 2016. I livelli raggiunti nei giorni conclusivi del quinto mese dell’anno sono stati i più alti degli ultimi 20 mesi per le lamiere nere, degli ultimi 26 mesi per le lamiere zincate e degli ultimi 11 mesi per i tubi saldati. Nei primi giorni di giugno, però, è iniziato un declino delle quotazioni che pare non essersi ancora arrestato e, nella seconda metà di luglio, i prezzi delle lamiere nere sono scesi a 78,6 (-7,0% rispetto al picco di fine maggio), quelli delle lamiere zincate a 86,6 (-4,0%) e quello dei tubi a 81,9 (-6,0%).
 
Prezzi prodotti piani Maggio 2016 - siderweb.com

 

PRODOTTI LUNGHI


Come per i piani, anche i lunghi hanno invertito direzione nella seconda metà di maggio. Il picco dei prezzi dei laminati mercantili, infatti, è stato toccato il 18 maggio scorso, con un valore dell’indice di 94,8 (+10,5%), mentre per le travi è arrivato il 25 maggio, quando le quotazioni sono state pari a 89,7 punti (+11,6%). Da quel momento i prezzi sono lentamente scesi, fino ad un valore dell’indice di 85,3 per i laminati nella seconda metà di luglio (-10,0% rispetto al picco) e di 86,0 per le travi (-4,1%).
La discesa delle quotazioni è stata provocata dalla diminuzione delle materie prime, in particolare del rottame. Le due categorie di materia prima analizzate, ovvero proler e lamierino, hanno iniziato a sgonfiarsi a partire da inizio maggio, perdendo rispettivamente il 13,1% ed il 16,7% rispetto al picco.
 
Prezzo prodotti Lunghi Maggio 2015 - siderweb.com


Disclaimer

Avvertenza: i prezzi analizzati per travi e laminati si riferiscono alle quotazioni base + extra dimensionali effettuate dai produttori ai distributori di acciaio/centri servizio. Per le lamiere, invece, ci si riferisce ai prezzi base partenza. A questi prezzi vanno sommati degli extra a seconda di altre condizioni di vendita (come la qualità dell’acciaio impiegato, il trasporto o le certificazioni). Le percentuali di variazione esposte in precedenza, quindi, sono da ritenersi come indicative e non rappresentanti al 100% dell’intera oscillazione delle quotazioni, in quanto per la composizione del prezzo finito entrano in gioco degli extracosti che non sono considerati in questa analisi.

Prodotti e Soluzioni