Il portale delle costruzioni in acciaio in Italia

La sostenibilità in Italia

Di seguito si fornisce una panoramica sulla sostenibilità ambientale relativa all’acciaio per l’Italia.


ACCIAIO PROTAGONISTA DELL’ECONOMIA CIRCOLARE


Nel mondo circa il 20% della produzione d’acciaio è ottenuta attraverso il riciclo del rottame; nell’Unione Europea tale percentuale sale a circa il 40%; in Italia, grazie alla preponderante diffusione del forno elettrico, tale contributo ha superato nel 2016 il 75%.
Industria dell'acciaio fonte Federacciai
Fonte: Federacciai - cliccare sull'immagine per ingrandire
 
Qualche macrodato:


RIDURRE
  • I consumi energetici specifici della siderurgia italiana si sono ridotti di circa il 25% dal 1995 ad oggi e l’Italia è attualmente ai primi posti in UE per l’efficienza energetica dei processi siderurgici.
  • I consumi idrici specifici delle acciaierie italiane si sono ridotti di oltre il 25% dal 2010 ad oggi.
  • La produzione di rifiuti si è ridotta di oltre il 25% dal 2010 ad oggi.
  • Le emissioni specifiche dirette di CO2 della siderurgia italiana si sono ridotte di circa il 35% dal 1990 ad oggi.
RICICLARE
  • L’acciaio è al 100% riciclabile ed è di gran lunga il materiale più riciclato al mondo.
  • L’acciaio è un materiale permanente: può essere riciclato all’infinito senza perdere nessuna delle sue proprietà originarie.
  • L’Italia è al primo posto in Europa per volumi di riciclo dei rottami ferrosi.
  • L’acciaio può essere più facilmente separato a fine vita dagli altri materiali grazie alle sue proprietà come densità e magnetismo.
FAR DURARE E RIUSARE
  • L’acciaio, tra i materiali di largo consumo, è tra quelli in assoluto più resistenti e durevoli. L’acciaio permette in questo modo di estendere la vita utile dei prodotti e mantenere a lungo il loro valore e funzione nella società.
  • I componenti in acciaio, grazie alla facilità di separazione o disassemblaggio sono particolarmente adatti al riuso e alla rigenerazione (remanufacturing) in alcune applicazioni (elementi strutturali, automotive, macchinari, turbine eoliche, materiale ferroviario, ecc.).
RECUPERARE
  • Oltre il 65% dei rifiuti prodotti dalla siderurgia italiana viene destinato ad operazioni di recupero.
  • I residui di produzione dei processi siderurgici sono particolarmente adatti ad essere valorizzati come sottoprodotti o veri e propri prodotti, destinati a diversi settori di utilizzo, costituendo una valida alternativa alle materie prime naturali (es. scorie siderurgiche).
  • I gas siderurgici di processo (gas di cokeria, gas d’altoforno, gas di acciaieria) in considerazione del loro elevato contenuto energetico residuo, alimentano centrali per la produzione di energia elettrica e calore.
  • I cascami termici di varia natura derivanti dai processi siderurgici possono essere utilizzati a servizio di altre utenze interne ed esterne o per progetti di teleriscaldamento a servizio del territorio circostante.

Prodotti e Soluzioni