Il portale delle costruzioni in acciaio in Italia
CREDITS
COMMITTENTE: Comune di Bologna
PROGETTISTA ARCHITETTONICO: Massimo Majowiecki, collaboratore: S. Pinardi
PROGETTISTA STRUTTURALE: Massimo Majowiecki
IMPRESA: S.I.P.A.L. srl, Fagioli spa (movimentazione e montaggio in opera)
COSTRUTTORE METALLICO: M.B.M. spa
FOTOGRAFIE: Le fotografie di cantiere sono state fornite dallo Studio Majowiecki. Le fotografie a progetto finito sono state scattate da Andrea Raffin - Fondazione Promozione Acciaio

Passerella ciclopedonale autostrada A13

DISEGNI E CANTIERE
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
FOTO
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
L'autostrada A13 collega Bologna a Padova ed il suo percorso si snoda lungo la Pianura Padana attraverso l'Emilia Romagna ed il Veneto. In uno scenario che nella stagione invernale è spesso invaso dalla nebbia, si inserisce all’altezza dell’abitato di Dozza un particolare ponte strallato che scavalca, con i suoi 100 m di luce libera, il traffico automobilistico. Totalmente riuscito il connubio tra architettura ed ingegneria, grazie ad una soluzione essenziale, lineare e leggera che ha, inoltre, permesso di ridurre sensibilmente i tempi di montaggio. Due cavalletti ad “A”, aperti in corrispondenza delle imposte di circa 10 m, inclinati e contrastati in mezzeria, costituiscono il sistema portante principale. Le sezioni scatolari variabili dei profili sono ottimizzate e seguono l’andamento degli sforzi. Assimilando il comportamento strutturale a quello dell’arco a tre cerniere, la spinta generata dal meccanismo di sostegno viene equilibrata dalle funi spiroidali con fili elementari ad alta resistenza. Le funi stabilizzanti di 42 mm di diametro, dotate di una pretensione iniziale, sono a curvatura contrapposta (quattro per parte, con componenti di curvatura nei piani verticale ed orizzontale) e seguono l’andamento variabile del perimetro esterno di un impalcato dolcemente incurvato, che ha una larghezza minima centrale di 2.5 m fino a 10 m alle estremità. Il sostegno di quest’ultimo è formato da un sistema di funi costituito da una serie di stralli convergenti in chiave ed aperti a ventaglio, i quali portano gli sforzi di sospensione ai punti centrali dei cavalletti in collaborazione con le “catene” tubolari. Le funi di strallo sono di tipo spiroidale, con fili elementari di Ø = 40 mm e Ø = 28 mm, protette contro la corrosione. Gli stralli si ancorano alla confluenza delle funi stabilizzanti e dei traversi, orditi ad interassi costanti di 5 m. Sulle fondazioni, oltre agli sforzi verticali, gravano reazioni di tipo orizzontale che dipendono dalle componenti longitudinali e trasversali indotte dall’azione del vento e del sisma, considerate come carichi dinamici di riferimento per il dimensionamento dei sistemi controventanti. La struttura dell’impalcato è in lamiera grecata con getto collaborante (solaio tipo Solmax) in acciaio zincato. L’altezza minima dell’intradosso è a quota superiore di 6 m rispetto al livello dell’autostrada. Nei ponti pedonali la risposta dinamica è caratterizzata da frequenze naturali di vibrazione molto vicine alle frequenze di sensibilità umana. I range di frequenze consigliati dalla letteratura tecnica non sempre trovano riscontro con opere in servizio, come esposto dal Prof. Ing. Massimo Majowiecki durante il convegno Footbridge 2005 a Venezia. Alla luce di queste considerazioni, per garantire sicurezza e comfort è stato predisposto, in sede di collaudo, il collegamento ad un sistema TMD (Tunned Mass Dampers), che permette di modificare in corso d’opera le caratteristiche meccaniche della struttura, evitando il tipico fenomeno di risonanza prodotto dall’attività antropica. Accurate scelte tecniche, a partire dal tipo d’acciaio impiegato (Fe 510 D secondo la denominazione vigente all’epoca del progetto), ai sistemi protettivi utilizzati quali l’uso dell’acciaio zincato, fino alle modalità ed alla velocità di montaggio, hanno permesso di coniugare perfettamente qualità, estetica ed economicità. Aspetti, questi, che permettono di accrescere il valore di un’opera d’ingegneria.

Monica Antinori

Prodotti e Soluzioni