Il portale delle costruzioni in acciaio in Italia
CREDITS
PROGETTISTA ARCHITETTONICO: Progetto: Arch. Francesco Di Cecio

Progetto piazza vetrata e interni: SABA Studio Architettura Beretta Associati
PROGETTISTA STRUTTURALE: Redesco - Ing. Giuliani
IMPRESA: MAEG
COSTRUTTORE METALLICO: MAEG

Hotel Crowne Plaza Caserta

DISEGNI E CANTIERE
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
FOTO
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Questo complesso alberghiero nasce con l’obiettivo di realizzare un polo urbano integrato di grande interesse per la città di Caserta, nell’area ex Saint Gobain. L’Hotel, formato da un corpo ad U, presenta due ali parallele raccordate al corpo centrale con collegamenti di grande effetto visivo: l’intero corpo sembra abbracciare la grande piazza attrezzata con elementi di elevato valore architettonico, diventando un unicum indissolubile. La piazza con la sua copertura ventilata, di 60m di lato, diviene il fulcro dell’albergo. Molte le problematiche strutturali e costruttive che hanno dovuto affrontare e risolvere i progettisti: grandi luci, presenza di edifici esistenti, la costruzione in zona sismica ed il rispetto della normativa antincendio. Di seguito troveremo le soluzioni proposte dai progettisti per questa meravigliosa copertura vetrata, di 3600mq di superficie di pianta quadrata, con lati di lunghezza 58.52 m e 58.42, impostata su edifici di contorno esistenti. La struttura portante è costituita da due ordini ortogonali di archi tubolari (diam. 273mm) realizzati in acciaio, posti all'interasse tipico di 4.24 m sui quali è appoggiata un’orditura secondaria che realizza specchiature quadrate di lato 1.41 m per il supporto della vetrata stratificata di sicurezza (11.5mm di spessore). La configurazione geometrica è stata studiata in modo da realizzare campi modulari piani. Gli appoggi al contorno sono materializzati da un telaio orizzontale avente 3 lati in carpenteria reticolare in acciaio ed il quarto in calcestruzzo precompresso con funzione di equilibrare le spinte orizzontali e di ancorare la struttura per gli effetti sismici ad uno solo degli edifici esistenti, disaccoppiando il comportamento dinamico degli altri edifici da quello della copertura. La struttura è stata costruita con varo incrementale sulle strutture di sostegno reticolari poste sui due edifici laterali; il ripristino del regime delle azioni interne previste a progetto è stato attuato mediante regolazione della pretensione applicata durante il varo e zavorramento della parte in attesa prima del collegamento finale. La copertura è aperta lungo il perimetro di appoggio per garantire un’adeguata ventilazione nella stagione estiva. Durante la stagione invernale, nell’attuazione del risparmio energetico e per evitare dispersioni termiche, vengono applicate delle chiusure. La copertura è calpestabile, permettendo i normali interventi di manutenzione. E’ dimensionata per un sovraccarico di 0.92KN/mq, certificata per resistere alla grandine, potendo reggere 300 t oltre al proprio peso. Infine le lastre terminali, nel rispetto della normativa antincendio, sono state realizzate con vetro PisoSuisse. I fissaggi dei vetri sono costituiti da profili resilienti in EDPM con una piastra di 150mm di diametro ai vertici, sulle quali è presente un gancio che permette di procedere alle operazioni di manutenzione nel rispetto della sicurezza.
Monica Antinori

Prodotti e Soluzioni